Le Origini di Laveno Mombello

La Storia di Laveno Mombello

Come dicevamo il Comune di Laveno Mombello, è un caratteristico paese che si trova sulle sponde del Lago Maggiore.

Storicamente si possono trovare segni fin dai primissimi tempi, infatti tutt'ora è possibile visitare le palafitte che risalgono circa al 3000 a.C., di cui restano ancora i resti.

La denominazione di Laveno, deriva secondo fonti storiche dal nome del comandante romano: Tito Labieno che in questo luogo aveva il suo accampamento; e che attraverso la collina di Mombello ebbe successivamente uno scontro con i Galli; ecco quindi da dove deriva il termine di Mombello ovvero dalla parola "mons-belli" ossia  "colle della battaglia".

Durante il periodo Medievale invece, Laveno Mombello divenne un borgo abitato prevalentemente dai pescatori, questo anche grazie alle sue vicinanze con il lago.

Mentre a partire dall' Ottocento; nacquero e presero sempre più piede le industrie che si occupavano della produzione di ceramiche tra le più importanti d' Europa.

Laveno Mombello

Nonostante oggi la maggior parte delle fabbriche abbiano chiuso, il Museo che si trova nella frazione di Laveno è aperto e offre la possibilità di osservare e apprezzare le più belle opere in ceramica pregiata.

Oggi si può dire che Laveno Mombello si è sviluppata bene in altri settori industriali, come quello della cartiera, mentre per quanto concerne le attività agricole, è nota la produzione di differenti varietà di miele: dal millefiori, al castagno fino al miele di acacia.

Insomma davvero un incantevole luogo, ricco di storia e luoghi interessanti da scoprire, ma ora andiamo a vedere quali sono.